Actualidade
Novas e Axenda Bota un ollo á actividade do GEA

Chamamento á defensa da democracia e da liberdade da cultura en Turquía

22/07/2016

Os profesores Angelo d’Orsi (Università di Torino) e Guido Liguori (Università della Calabria) veñen de publicar un texto apelando pola defensa da liberdade e a democracia logo das medidas tomadas polo goberno de Recep Tayyip Erdogan en Turquía despois do golpe de Estado. Entre os encarceramentos, homicidios e ataques á liberdade de expresión (peche de xornais críticos), a educación volveu á tutela do Estado Turco: os docentes teñen prohibido viaxar ao estranxeiro, todos os decanos foron suspendidos, así como 15.200 docentes de escola, en moitos casos tamén arrestados, igual que maxistrados, policías ou militares.

Os autores len estas accións contra a cultura, a escola e a universidade como parte da transformación de Turquía nunha ditadura e chaman á comunidade intelectual a facer sentir a propia voz, exercendo presión sobre as autoridades académicas nacionais e europeas, para forzar a que esa violencia remate e restaurar alí o Estado de dereito e democrático. Para figurar como asinante é preciso escribir a info@historiamagistra.it . O texto completo, en Italiano e con data do 21 de xullo, é o seguinte:

 

APPELLO PER LA SALVAGUARDIA DELLA DEMOCRAZIA E DELLA LIBERTÀ DELLA CULTURA IN TURCHIA

Non abbiamo atteso il golpe del 15 luglio, mancato o finto che sia, per dubitare della qualità della democrazia nella Turchia di Erdogan. Ma gli eventi seguiti al colpo di Stato, negli ultimi giorni, hanno una gravità eccezionale, resa più inquietante dal silenzio della “comunità internazionale” e in particolare delle autorità dell’Unione Europea che recentemente, non contente di pagare Ankara con una cifra spropositata per chiederle di bloccare i migranti, hanno ritenuto opportuno riaprire la procedura di ingresso della Repubblica Islamica di Turchia nell’Unione. Un atto che ha suscitato non poche perplessità in relazione agli attacchi alla libertà di espressione del pensiero, in ogni sua forma, che Erdogan e i suoi governi praticavano da mesi con chiusura di giornali di opposizione, incarceramenti, uccisioni, al di fuori di qualsivoglia legittimità. Senza parlare dell’arroganza con cui respingeva ogni richiesta di riconoscimento di un fatto storico accertato, il genocidio degli armeni, o del non troppo lontano sostegno all’Isis, o della persistente politica di persecuzione del popolo curdo.

Ebbene, negli ultimi giorni, con il pretesto del colpo di Stato, Erdogan ha messo in atto la più feroce, sistematica azione combinata di repressione/prevenzione che si ricordi nella storia recente del mondo. Epurazioni di massa (sulla base di liste evidentemente già pronte), imprigionamenti, uccisioni, sospetti suicidi, e minacce, in un clima di caccia alle streghe che rinvia a tristi precedenti storici.

Noi non entriamo nel merito delle responsabilità del golpe, ma riteniamo che l’UE, le nazioni che si dichiarano democratiche, l’ONU, non possano rimanere inerti e silenti.

Noi sottoscritti, docenti universitari, in particolare, e uomini e donne che lavorano nella formazione, nell’organizzazione culturale, nell’informazione, esprimiamo la più ferma condanna dell’azione volta a mettere sotto tutela l’intera università turca e gli altri apparati, pubblici e privati, culturali e di formazione dell’opinione pubblica: ricordiamo che tutti i docenti turchi hanno ricevuto il divieto di espatrio, tutti i decani (1577) sono stati sospesi, come è stato per 15.200 docenti di scuola, funzionari e, ancora, magistrati, militari, poliziotti, quando non sono stati semplicemente licenziati, o peggio: arrestati e gettati in condizioni disumane in carceri di fortuna, denudati, ammanettati, malmenati.

Con il pretesto del colpo di Stato, in sintesi, Erdogan, già presidente autoritario, sta trasformando la Turchia in una vera e propria dittatura, con l’aggravante del connotato islamista, come la minaccia del velo obbligatorio per le donne lascia temere.

Noi sottoscritt* chiediamo a tutta la comunità intellettuale di far sentire la propria voce, esercitando ogni pressione sulle autorità accademiche nazionali ed europee, perché esse premano sulle autorità politiche italiane, comunitarie e internazionali, facendo cessare immediatamente l’odiosa, violenta, inaccettabile azione di Recep Erdogan contro la cultura, contro la scuola e l’università, e contro ogni forma di Stato di diritto e di democrazia in Turchia.

MÁIS NOVAS
‘Santa liberdade’ e ‘Longa noite’ proxéctanse no Museo Raíña Sofía
Forman parte do ciclo «As re-voltas da memoria», que aborda o cinema tras as dictaduras de España, Chile e Arxentina
17/09/2020

O documental Santa Liberdade (Margarita Ledo Andión, 2004) e o filme Longa noite (Eloy Enciso, 2019) poderán verse este mes de setembro no Museo Nacional e Centro de Arte Raíña Sofía, en Madrid, dentro do ciclo «As re-voltas da memoria». Este ciclo propón, a través do documental e do cinema-ensaio, distintas formas de abordar a […]

Seguir lendo
O Museu Virtual da Lusofonia torna global a través do Google Arts and Culture
02/09/2020

O traballo de análise, preservación e difusión do patrimonio histórico-cultural da comunidade lusófona recibe un novo impulso coa incorporación do Museo Virtual da Lusofonia á plataforma Google Arts an Culture. A cerimonia de presentación terá lugar o vindeiro 4 de setembro ás 21 horas (22 horas na Galiza) no Museu Nogueira da Silva e será […]

Seguir lendo
O VII Congreso Internacional da AE-IC aprázase ao mes de outubro
Amplíase o prazo para a inscrición de relatoras e asistentes
15/07/2020

O VII Congreso Internacional da Asociación Española de Investigación de la Comunicación (AE-IC) celebrarase na Facultade de Filoloxía, Tradución e Comunicación da Universidade de Valencia, do 28 ao 30 de outubro de 2020 e terá carácter semipresencial. Desta maneira, a asociación e a Universidade de Valencia buscan garantir o cumprimento das medidas de prevención esixidas […]

Seguir lendo
© 2020 Estudos Audiovisuais